Arte Sella

La Land Art in Trentino Alto Adige

Per Land Art si intende un genere artistico contemporaneo che, nato negli Stati Uniti intorno agli anni ’70 del 1900, prevede l’esecuzione d’opere d’arte in un contesto naturale. Gli artisti cercano di modificare l’ambiente dando forma alle loro creazioni attraverso l’utilizzo di risorse naturali, oppure inserendo nuovi materiali nel contesto paesaggistico.

Ormai questo genere si è diffuso anche in Italia, dove tutt’ora in ogni regione si stanno promuovendo delle attività che puntano a sviluppare questa particolarissima poetica.
Una delle regioni più attive in questo senso è il Trentino Alto Adige. Esso ospita infatti diversi parchi e percorsi artistici in cui il visitatore attraverso una piacevole passeggiata può entrare in contatto con le opere d’arte. Emblematico in questo senso e conosciuto a livello internazionale è il Parco Arte Sella.

 

Arte Sella

L’esperienza “The Contemporary Mountain” in Val di Sella è nata nel 1986. La volontà principale era quella di creare un dialogo tra l’arte e la natura. Il progetto fu istituito dall’associazione di Enrico Ferrari, Emanuele Montibeller e Carlotta Strobele e aveva inizialmente una cadenza biennale.  A partire dal 1998 il percorso è diventato talmente influente che oggi la Val di Sella è proprietà del comune, quindi da esso sostenuta.

Roberto Conte, Arte Sella
Roberto Conte, Arte Sella.

L’arte viene quindi assimilata alla natura. Infatti così come quest’ultima si trasforma continuamente, allo stesso modo in questo luogo si sviluppano le installazioni artistiche. Vengono continuamente invitati artisti, anche di un certo calibro a lasciarsi ispirare da questa meravigliosa valle. Dunque Giuliano Mauri, Roberto Conte, Alois Steger hanno realizzato in questo luogo alcune delle loro opere più famose. Una volta create, queste diverranno un tutt’uno con la natura. Infatti poiché costituite di materiali organici, esse scompariranno piano piano, attraverso un naturale fenomeno di degrado.

La particolarità di questo parco è che la protagonista indiscussa è la natura e tutti gli elementi ad essa associati. Si lascia solo poco spazio alla singola individualità artistica.

Spirale, Alois Steger, Arte Sella, 2011.
Spirale, Alois Steger, Arte Sella, 2011.

Il percorso è aperto non solo alle installazioni artistiche, ma anche alla musica, alla poesia e alla fotografia. E’ nato in questo modo un piccolo microcosmo in cui a dominare è lo splendido paesaggio, che non pone limiti alla sperimentazione umana. Recentemente infatti il parco ha ospitato diversi concerti come quello di Vinicio Capossela, di Jovanotti ed è stato scelto come sfondo per il video musicale “Fresh Air” di Elisa.